Anonimo

Titre original : Asiel Timor Dei (arcángel arcabucero)

Olio su tela, 1,105 × 1,605 m

1601 – 1700

Mostra

Museo Nacional de Arte (La Paz, Bolivia)

 

© Simón Durán

 
 


Asiel Timor Dei (arcangelo archibugiere)

Aspiel Apetus Dei (arcangelo archibugiere)Angelo della Passione con scala

Le serie di angeli costituiscono uno dei temi più originali della pittura andina, soprattutto quella delle regioni di Cuzco, del lago Titicaca, di La Paz e di Potosí. Esse si ispirano agli scritti europei del V secolo che elencano le gerarchie angeliche (serafini, cherubini, angeli, arcangeli, ecc.) e i loro attributi. Soggetto pittorico molto diffuso in Europa e in America, le serie di angeli acquistano un aspetto del tutto originale nella regione delle Ande, dovuto in gran parte alla pratica di dipingere gli angeli con abiti adattati ai costumi locali, con una profusione di merletti, bottoni e altri accessori dai colori brillanti, rossi, verdi, blu e arancio. Si ritiene che gli angeli archibugieri siano apparsi nella pittura andina per volontà di alcuni religiosi eruditi intenzionati a sostituire con simboli tratti dal cristianesimo le divinità adorate dagli indigeni e preposte al governo degli elementi: il fulmine (Illapa), il sole (Inti), la luna (Quella), la neve e tutti gli altri fenomeni naturali che abitano gli altipiani e le montagne. Nasce così una nuova iconografia basata sui testi apocrifi del Vecchio Testamento, come quello di Enoc, nei quali si attribuisce agli angeli il potere di dominare le stelle e la natura. Questi angeli formano un vero e proprio esercito e ognuno di loro ha un nome, come Asiel Timor Dei, che possiamo ammirare in questo dipinto. Le diverse operazioni che eseguono con l'archibugio (lo portano in spalla, lo caricano, lo puntano contro un ipotetico nemico) indicano i compiti che sono stati loro affidati da Dio nell'Alto dei Cieli. Gli angeli archibugieri sono vestiti secondo la moda del XVII secolo: maniche con spacchi, colli alla Van Dyck, pantaloni al ginocchio, cappello piumato a tesa larga. Asiel Timor Dei, conservato al Museo Nacional de Arte, è una delle più belle opere del Maestro di Calamarca, che potremmo probabilmente identificare con José López de los Ríos.

Teresa Villegas de Aneiva

 

 
 
 
San Michele ArcangeloZadquieleAngelo con spiga di grano
Angelo custodeBarachieleAngelo virtù
Angelo virtùSan Michele ArcangeloSan Gabriele Arcangelo
San Raffaele ArcangeloSan Raffaele ArcangeloLetiele Dei
Uriel DeiGabriel DeiLaeiel Dei
Aspiel Apetus Dei (arcangelo archibugiere)Asiel Timor Dei (arcangelo archibugiere)Angelo della Passione con scala
Angelo Virtù (Gerarchia)Santa MargheritaMadonna con Bambino (Madonna dell’uccellino)
Madonna con Bambino e santi gesuitiSan CristoforoSan Giovanni Evangelista
Estasi di San Pietro d’AlcántaraSan Giovanni di DioAgonia di San Pietro Nolasco
La Madonna del Carmine e la Corte celesteVergine lavandaiaVergine della montagna
Incoronazione della VergineNostra Signora di PomataSan Francesco di Paola
Madonna di BetlemmeAdorazione dei pastori